Martedì 13 Ottobre

Visto che siamo chiusi per diluvio, oggi vi regalo una poesia d’amore pedemontana di Pier Franco Uliana, regalatami da Tita.

Betarèl

Tu sé ti la me cros

ndove ‘l tenp al me inciòda,

i to doi lavri i é bar de spin che i bèca

par ogne logo del me corp, la boca

parfin ti tu me fà

sanguinar – al sarìe stat mejo impiantarmeli

drento al costà – e ti, par vera passion,

a cavarli col bech,

tu te màcia ‘l pet, pura ti tu sa

che no ghe n’é na lagrema de amor

che la posse netar

tut sto slavàjo ros

Pettirosso

Sei tu la mia croce / a cui il tempo m’inchioda, / le tue labbra sono cespugli di spine che pungono / per ogni luogo del mio corpo, perfino / la bocca mi fai / sanguinare – meglio sarebbe stato piantarmele / dentro al costato – e tu, per vera compassione, / a toglierle col becco, / ti macchi il petto, eppure sai / che non c’è alcuna lacrima d’amore / che possa ripulire / tutto questo sversamento rosso.

IMG_8639

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: