Lunedì 28 ottobre

Imperversa un tempo ostile, con vento forte da sud-ovest che ci sommerge di nebbia. Anche questa mattina il cielo sembra sgombero, ma già alle 8 è coperto dalla coltre nebbiosa….speriamo ci siano ancora delle giornate buone…

Nel complesso facciamo scarsissime catture, 10 individui di 5 specie..ma che belli i lucherini!

Immagine

Lucherino (Carduelis spinus), maschio

In esclusiva (grazie Carlo), allego una foto della liberazione dell’ultimo gufo catturato….

Immagine

 

Domenica 27 ottobre

Purtroppo la giornata non è per niente buona, nonostante degli sprazzi di sereno all’alba che seguono una notte stellata meravigliosa. Il giro notturno ci porta in dono un gufo comune e un culbianco! La cattura del culbianco di per sé non è sconvolgente, sorprende comunque che ci sia ancora qualche esemplare di questa specie transahariana alla fine di ottobre.

La giornata ci porta in tutto 20 esemplari catturati, ma con ben 10 specie ed una nuova specie per il Pizzoc: lo storno.

Purtroppo è il giorno della chiusura o meglio, della semi-chiusura. Di sicuro abbandoniamo la casa che ci ha ospitati fino ad ora… il progetto Pizzoc 2013 è ufficialmente finito, ma tenteremo di fare qualche altra uscita con qualche irriducibile, se il tempo lo permetterà.

Immagine

Culbianco (Oenanthe oenanthe)

Immagine

Storno (Sturnus vulgaris)

 

 

Sabato 26 ottobre

La mattina di sabato è limpida, e in questo ottobre un po’ variabile e un po’ nebbioso è quasi una rarità. 

Le catture sembrano subito buone, con un ennesimo gufo comune ed una bellissima beccaccia al giro dell’alba. Le specie catturate a fine giornata saranno 10, con 60 uccelli catturati in tutto. Il passo è regolare ma più scarso di venerdì. Dall’ora di pranzo in poi il cielo si copre e ci lascia sprofondare nella nebbia…

Immagine

Particolare del dorso di beccaccia (Scolopax rusticola)

Immagine

Maschio adulto di peppola (Fringilla montifringilla)

 

Venerdì 25 ottobre

La giornata inizia con un’alba spettacolare, la temperatura è mite per la stagione, e da subito inizia un consistente passaggio di uccelli: fringuelli, peppole, frosoni, tordele, crocieri e lucherini. La migrazione è però nervosa, gli uccelli passano alti e le catture non sono da record: circa 80 uccelli alla fine, ma con una ormai consueta sorpresa notturna (2 gufi comuni) e con tante belle specie.

Immagine

Gufo comune (Asio otus)

Immagine

Codirosso spazzacamino (Phoenicurus ochruros): splendido maschio adulto!

Immagine

Pispola (Anthus pratensis)

 

Per quanto concerne lo studio della migrazione effettuato con i conteggi visuali dal dott. Mezzavilla, le stime della giornata sono state da record per il 2013, con più di 6000 uccelli conteggiati! 

Mercoledì 23, Giovedì 24 ottobre

Il maltempo imperversa sulla cima del Monte Pizzoc, e decidiamo di restare chiusi per due giornate, la prima caratterizzata da una fitta nebbia e in serata da una altrettanto fitta pioggia. Alla pioggia è succeduto il diluvio notturno, con circa 200 mm d’acqua in 12 ore. La perturbazione atlantica finisce verso il tardo pomeriggio di giovedì, con qualche schiarita che ci fa godere di un inaspettato tramonto…

Immagine

Martedì 22 ottobre

Dopo le belle giornate della scorsa settimana, ora il tempo è tornato avverso, anche se le temperature sono aumentate. Tutta la giornata è stata caratterizzata da nuvolosità bassa, con nebbia fitta ma senza pioggia. Le catture sono state molto scarse, circa una ventina di uccelli, con qualche fringuello,  pettirossi e un regolo. Allego una tordela di ieri.

Immagine

Tordela (Turdus viscivorus)

 

 

 

 

Lunedì 21 ottobre

Giornata bruttina, caratterizzata da cielo coperto e nebbia a tratti (parecchi tratti per la verità), ventosa e con poco passo.

Le specie catturate sono 6, ma solo 25 individui…di bello sono state catturate 2 pispole adulte.

Immagine

Pispola (Anthus pratensis)

Domenica 20 ottobre

Domenica 20 è stata una giornata discreta, con un buon passo soprattutto di fringuelli, poche specie catturate (6) e 67 individui totali. La specie principale è stata il pettirosso con 48 esemplari, seguita da fringuello e codirosso spazzacamino. Ancora un tordo, una tordela e sorprendentemente una quaglia! La conta delle specie sale quindi a 42, per il 2013.

Immagine

Quaglia (Coturnix coturnix)

 

Sabato 19 ottobre

E’ difficile esprimere la meraviglia della notte tra venerdì e sabato, indimenticabile per chi ha avuto la fortuna di viverla…Di fronte a delle catture così, sembra di aver abusato in precedenza di termini inflazionati come “fantastico” o “incredibile”. E’ stata una notte che ripaga degli sforzi e delle fatiche dell’apertura notturna: un gufo comune, una civetta capogrosso, un allocco, una beccaccia ed un gufo di palude!

…Straordinario!

Mi scuso per le foto non eccellenti…

Immagine

 

Gufo comune (Asio otus)

Immagine

Gufo di palude (Asio flammeus)

 

Venerdì 18 ottobre

Un’altra incredibile cattura stamani. Il tempo era fantastico, con sole, caldo e calma di vento tutto il giorno. Il passo è stato tuttavia piuttosto scarso, e le catture sono circa una cinquantina. Oltre la cattura della prima tordela dell’anno, la giornata resterà memorabile per la cattura di un esemplare di coturnice! Ecco alcune fotoImmagine

 

Immagine

Immagine

Coturnice (Alectoris graeca saxatilis)

 

Giovedì 17 ottobre

Una giornata da record per il Pizzoc! 173 catture, con tre gufi comuni, fringuelli, pettirossi, 6 lucherini, 7 frosoni, e finalmente i primi crocieri della stazione! Inoltre, un tordo sassello (il primo di quest’anno).

Una giornata veramente memorabile, sia per le catture, sia per le condizioni meteo, finalmente accomodanti, con cielo sereno e limpido e temperature gradevoli.

Immagine

Tordo sassello (Turdus iliacus)

Immagine

Frosone (Coccothraustes coccothraustes)

Immagine

Crociere (Loxia curvirostra), maschio

Immagine

Crociere (Loxia curvirostra), femmina

 

Mercoledì 16 ottobre

Dopo una mattina limpida e sgombera di nuvole, ha soffiato un forte vento da nord-ovest. A mezzogiorno abbiamo chiuso le reti a causa del vento forte, poi al tramonto il vento si è calmato e, viste le condizioni ideali, le reti sono state riaperte. La luna splendeva e si è manifestato un certo movimento migratorio di pettirossi. In totale le catture sono state 43, con tanti pettirossi, un gufo comune ed una capinera.

 

Martedì 15 ottobre

Martedì è stata una giornata di passo discreto, con 92 catture e 11 specie. La mattina è stata nebbiosa, con vento da sud-ovest. La specie principale catturata è stata lo spioncello, con 35 esemplari. Abbiamo preso ancora tanti pettirossi (22), 8 fringuelli, un merlo e un altro gufo comune.

Immagine

Fringuello maschio

 

Gufo comune

Gufo comune

Particolare delle remiganti primarie

La migrazione notturna

Ieri sera, con il cielo sereno e la luna crescente, le reti hanno catturato diversi pettirossi, in migrazione in piena notte. Catturati anche 2 gufi comuni! Quindi il totale di giornata è salito a 124 individui, con il pettirosso a farla da padrone numericamente.

 

 

Lunedì 14 ottobre

Mattina fantastica, preceduta da una notte calma e con una sorpresa: la civetta capogrosso! Al momento (tramonto) siamo a 100 catture, con più di 14 specie. Presa la prima allodola della stazione, ancora pettirossi, merli e qualche tordo. Le tordele e i crocieri ci prendono in giro tutto il giorno, senza che se ne impigli uno. Ma in esclusiva , il primo frosone dell’anno: una femmina mordace che lascia il segno.. Il grande passo è quello dei fringuelli, ma c’è anche qualche peppola e ancora tanti spioncelli, poi una pispola, tre cinciarelle…a domani per un resoconto più puntuale! Intanto godetevi le foto!

Immagine

Civetta capogrosso (Aegolius funereus)

Immagine

Allodola (Alauda arvensis)

Immagine

Peppola (Fringilla montifringilla)

 

Zigolo muciatto

Zigolo muciatto

Emberiza cia

Domenica 13 ottobre

Finalmente la migrazione è tornata!

Giornata di passo intanso, anche se gli uccelli migravano alti. Comunque, abbiamo totalizzato 43 individui, con alcune chicche: il primo culbianco della stazione del Pizzoc e ben 4 zigoli muciatti! Il tempo volge al bello, la notte non ghiaccia più e finalmente il sole e la calma di vento accompagnano una domenica caratterizzata anche dalla alta frequentazione turistica…

Immagine

Culbianco (Oenanthe oenanthe), femmina giovane

Sabato 12 ottobre

La tanto temuta neve si è in effetti materializzata stanotte..ma non ha fatto danni, all’alba pioveva a dirotto e si è sciolta. Verso l’una è uscito il sole, speriamo ci scaldi e porti delle giornate buone.

 

12 ottobre